Main menu:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Facebook

Facebook banner

Macrolibrarsi

Macro

Il risveglio dei Grandi Antichi 1

Sette rantoli prima dell'abisso

Lovecraft oltre la soglia

Lovecraft oltre la soglia

Archetipi 1

Archetipi 1

Copertina Archetipi 2 fronte (di Anguana)

Copertina Archetipi 2 fronte (di Anguana)

Copertina Archetipi 3 (fronte)

Archetipi iniziatici e psicologici

Geobiologia del megalitismo

G. del M. (Anguana)

Geobiologia delle cattedrali della Vergine

Geobiologia delle cattedrali

Continenti sommersi Anguana

Continenti sommersi Anguana

Manuale di sopravvivenza alle catastrofi planetarie

Manuale di sopravvivenza alle catastrofi planetarie

Biografia iniziatica di Gesù Cristo

Biografia iniziatica di Gesù Cristo

Il lascito degli Inka

Il lascito degli Inka

Il sogno dell’Inka

Il sogno dell'Inka

La tradizione egizia

La tradizione egizia

La tradizione cinese

La tradizione cinese

Saggi

GEOBIOLOGIA DEL MEGALITISMO

Seconda edizione italiana: 2012 (solo in libreria) | 326 pagine (A5) | 24 € | Compra on-line

Questo saggio prende approfonditamente in esame il fenomeno architettonico-energetico del megalitismo preistorico, costituito da strutture quali mound, barrow, dolmen, tombe a corridoio, tumuli a camera, cairn, menhir, row, cromlech (“solari” e “lunari”), henge e navi litiche.
Le prospettive considerate sono quelle dell’archeologia, dell’archeoastronomia e soprattutto della geobiologia, cosicché viene messo in luce come tali strutture riescono a produrre sugli esseri umani effetti fisiologici, psico-emotivi e spirituali, tramite la manipolazione del campo elettromagnetico locale e delle sue variabili (rete e nodi Hartmann, rete e nodi Curry, campi polarizzati yin-yang, onde di forma, corsi d’acqua, ionizzazione Terra-Cielo, ecc.).
Il testo presenta i risultati di 78 perizie geobiologiche effettuate dall’autore in altrettanti siti megalitici (e non solo), soprattutto in Irlanda, Gran Bretagna e Scandinavia, ma anche in Giappone, Cina, Egitto, Israele e Messico. I dati inerenti i siti più complessi vengono illustrati in 65 planimetrie, realizzate in una modalità grafica che permette di evidenziare meglio le variabili geobiologiche considerate.
Essendo la più ampia ricerca mai effettuata in questo settore, l’alta numerosità delle informazioni raccolte ha permesso inferenze di retro-geobiologia megalitica, cioè ha consentito di scoprire le leggi fisiche atte a manipolare il campo elettromagnetico locale tramite il megalitismo, per ottenere specifiche configurazioni energetiche all’interno delle varie strutture.
Tra le molte scoperte qui presentate, viene finalmente chiarita la vera natura delle cosiddette “ley lines”, perché alcuni petroglifi preistorici rappresentano certe variabili geobiologiche e a cosa serve il posizionamento della prima pietra.
Le strutture più note di cui viene riportata la configurazione geobiologica sono le seguenti: Stonehenge in Inghilterra (luogo di comunione tra l’energia femminile e quella maschile), la Tomba del Giardino a Gerusalemme (vero sepolcro di Gesù Cristo), i cromlech di Nabta Playa in Egitto (soprannominata la “stonehenge dell’Africa”), la piramide inviolata dell’Imperatore Giallo in Cina (la più importante dell’Estremo Oriente) e la Chiesa della Gran Madre di Dio a Torino (un’evoluzione romanico-neoclassica del cromlech lunare scozzese).
Finora la geobiologia si è limitata a capire quali configurazioni elettromagnetiche possono causare benessere e quali malattia, così sono stati elaborati soltanto dei sistemi di protezione dalle condizioni geopatogene e alcuni principi preventivi, che comunque ben pochi architetti si preoccupano di rispettare nello svolgimento della loro professione. Invece le informazioni contenute in questo saggio permettono di trascendere tale limite e consentono, a chi ne abbia i mezzi materiali, di costruirsi una struttura megalitica geobiologicamente attiva e funzionante, manipolando in prima persona e in modo stabile la configurazione geobiologica locale.

INDICE

PREFAZIONE

Parte Prima: INTRODUZIONE AL MEGALITISMO
1) FONDAMENTI DI ARCHEOLOGIA MEGALITICA
1,1) MOUND
1,2) BARROW
1,3) DOLMEN
1,4) TOMBE A CORRIDOIO
1,5) TUMULI A CAMERA
1,6) CAIRN
1,7) MENHIR
1,8) ROW
1,9) CROMLECH
1,10) HENGE
1,11) NAVI LITICHE
2) FONDAMENTI DI ARCHEOASTRONOMIA MEGALITICA
2,1) MOTO APPARENTE DEL SOLE
2,2) MOTI DELLA LUNA
2,3) STELLE FISSE
2,4) CALENDARIO MEGALITICO
2,5) CARATTERISTICHE ARCHEOASTRONOMICHE DEI MEGALITI
2,6) CULTO DEI MEGALITI
3) FONDAMENTI DI GEOBIOLOGIA MEGALITICA
3,1) RETE E NODI HARTMANN
3,2) RETE E NODI CURRY
3,3) CARATTERISTICHE COMUNI DELLE RETI HARTMANN E CURRY
3,4) CORRENTI SOTTERRANEE (LEY LINES, CORSI D’ACQUA E LINEE H POTENZIATE)
3,5) POLARIZZAZIONE DEL TERRENO: ZONE YIN E YANG
3,6) ONDE DI FORMA
3,7) AGOPUNTURA DELL’UOMO E DELLA TERRA
3,8) RESTI SOTTERRANEI ANIMALI E UMANI
3,9) INTERAZIONE FRA LE ENERGIE GEOBIOLOGICHE E I REGNI ANIMALE, VEGETALE E MINERALE
3,10) PROPRIETÀ FISICHE DELLE ROCCE AL QUARZO
3,11) PROPRIETÀ ACUSTICHE DEI MEGALITI
3,12) PROPRIETÀ MEDICHE DEI MEGALITI
3,13) LA SCALA BOVIS
3,14) FUNZIONI NOTE DEI MEGALITI
3,15) CIMATICA DEL MEGALITISMO
3,16) MEGALITI E CERCHI NEL GRANO

Parte Seconda: TECNO-SCIENZA DEL MEGALITISMO
4) GEOBIOLOGIA DEI MEGALITI
5) GEOBIOLOGIA DEI MENHIR
5,1) COPPIA DI MENHIR “THE PIPERS” (INGHILTERRA)
6) GEOBIOLOGIA DEI DOLMEN
6,1) DOLMEN A PORTA DI XOCHITECATL (MESSICO)
6,2) COMPLESSO DI DOLMEN DI ELLESTED (DANIMARCA)
7) GEOBIOLOGIA DELLE ROW
7,1) ROW DI LLANBEDR (GALLES)
7,2) ROW DELLE “HAROLD’S STONES” DI TRELLECH (GALLES)
7,3) ROW DI CASTLELACK (IRLANDA)
7,4) ROW TRIANGOLARE DI ALGUTSRUM (SVEZIA)
7,5) ROW DI NETHER LARGIE (IRLANDA)
8) GEOBIOLOGIA DEI CAIRN
8,1) CAIRN ISOLTATI DI ALGUTSRUM (SVEZIA)
8,2) CAIRN DI GUNNARSTORP (NORVEGIA)
8,3) CAIRN TRAPEZOIDALE DI KARUM (SVEZIA)
9) GEOBIOLOGIA DEI TUMULI SEPOLCRALI
9,1) BARROW DI WAYLAND’S SMITHY (INGHILTERRA)
9,2) BARROW DI LINDESKOV (DANIMARCA)
9,3) DUE BARROW DI HESTEHAVE (DANIMARCA)
9,4) TRE MOUND DI GAMLA UPPSALA (SVEZIA)
10) GEOBIOLOGIA DEI CROMLECH
10,1) CROMLECH DI LETTERGORMAN (IRLANDA)
10,2) CROMLECH DI CULLOMANE EAST (IRLANDA)
10,3) CROMLECH DI TEMPLEBRYAN (IRLANDA)
10,4) CROMLECH DI MAULATANVALLY (IRLANDA)
10,5) CROMLECH DI REENASCREENA (IRLANDA)
10,6) CROMLECH DI DULOE (INGHILTERRA)
10,7) CROMLECH DI CULLERLIE (SCOZIA)
10,8) CROMLECH-CAIRN DI TEMPLE WOOD (IRLANDA)
10,9) TRE CROMLECH-CAIRN DI BALNUARAN OF CLAVA (SCOZIA)
10,9,1) Cromlech-cairn di nord-est (n.1); 10,9,2) Cromlech-cairn centrale (n.2); 10,9,3) Cromlech-cairn di sud-ovest (n.3).
10,10) CROMLECH LUNARE DI LOANHEAD OF DAVIOT (SCOZIA)
10,11) CROMLECH LUNARE DI SUNHONEY (SCOZIA)
10,12) CROMLECH LUNARE DI EASTER AQUHORTHIES (SCOZIA)
10,13) CHIESA-CROMLECH LUNARE DELLA GRAN MADRE DI DIO (TORINO)
10,14) BASILICA-CROMLECH SOLARE DI SAN VITALE (RAVENNA)
10,15) CROMLECH DELLE “MERRY MAIDENS” (INGHILTERRA)
10,16) CROMLECH DI ROLLRIGHT STONES (INGHILTERRA)
10,17) CROMLECH TRIPLO “THE HURLERS” (INGHILTERRA)
10,18) CROMLECH CON CAIRN E ROW DI CALLANISH I (SCOZIA)
10,19) CROMLECH DI CALLANISH II (SCOZIA)
10,20) CROMLECH DOPPIO DI CALLANISH III (SCOZIA)
10,21) CROMLECH DI BLOMSHOLM (SVEZIA)
10,22) CROMLECH-CAIRN DI HJORTAHAMMAR (SVEZIA)
10,23) CROMLECH CON MENHIR RUNICI DI VÄSTRA-STRÖ (SVEZIA)
10,24) CROMLECH CON DOLMEN DI HESTEHAVE (DANIMARCA)
10,25) CROMLECH TRIANGOLARE DI GREBY (SVEZIA)
10,26) CROMLECH DOPPI DI GUNNARSTORP (NORVEGIA)
10,26,1) Cromlech doppio n.1; 10,26,2) Cromlech doppio n.2.
10,27) CROMLECH DOPPI DI NORRBY STENAR (SVEZIA)
10,27,1) Cromlech doppio orientale (n.1); 10,27,2) Cromlech doppio occidentale (n.2).
11) GEOBIOLOGIA DELLE NAVI MEGALITICHE
11,1) NAVE DI PIETRE BASSE DI KARUM (SVEZIA)
11,2) NAVE DI MENHIR DI HJORTAHAMMAR (SVEZIA)
11,3) NAVE DI MENHIR DI ALES STENAR (SVEZIA)
11,4) NAVE DI MENHIR DI BLOMSHOLM (SVEZIA)
11,5) NAVE DI MENHIR CON MOUND DI JELLING (DANIMARCA)
12) GEOBILOGIA DEI MEGALITI DELLA SARDEGNA
12,1) DOMUS DE JANAS
12,2) POZZI SACRI
12,3) NURAGHI
12,4) TOMBE DEI GIGANTI
13) SITI COMPLESSI
13,1) ROW DI MÊN-AN-TOL (INGHILTERRA)
13,2) ROW MULTIPLA DI CARNAC (FRANCIA)
13,3) TRE BARROW CON TRE DOLMEN DI PIPSTORN SKOV (DANIMARCA)
13,4) COMPLESSO MEGALITICO DI HUNN (NORVEGIA)
13,5) COMPLESSO MEGALITICO DI FAGERTOFTA (SVEZIA)
13,6) FORTE DI TRELLEBORG (DANIMARCA)
13,7) DÚN EOCHLA (IRLANDA)
13,8) WOODHENGE (INGHILTERRA)
13,9) STONEHENGE (INGHILTERRA)
14) MEGALITI EXTRAEUROPEI
14,1) MOUND DI SAITOBARU (GIAPPONE)
14,1,1) Kofun tronco-conico n.111; 14,1,2) Kofun con argine Oni-no-iwaya; 14,1,3) Kofun a serratura n.100.
14,2) PIRAMIDI-MOUND DELLA CINA
14,2,1) Piramide-mound dell’Imperatore Giallo (Shaanxi); 14,2,2) Piramide-mound dell’imperatore Zhao Mo (Guangdong); 14,2,3) Piramidi-mound a Yangling (Shaanxi); 14,2,4) Tomba a Lei Cheng Uk (penisola di Kowloon, Hong Kong); 14,2,5) Piramidi-mound a Zhaoling (Shaanxi); 14,2,6) Piramidi-mound a Qianling (Shaanxi); 14,2,7) Piramide-mound a Shaoxing (Zhejiang); 14,2,8) Piramidi ogivali a Yinchuan (Ningxia); 14,2,9) Piramide-mound del Tesoro a Nanjing (Jiangsu); 14,2,10) Piramidi-mound a Zunhua (Hebei).
14,3) TOMBA RUPESTRE DI BAKHET III (EGITTO)
14,4) FALSE PORTE (EGITTO)
14,5) NABTA PLAYA (EGITTO)
14,5,1) Menhir con mound (E-97-15); 14,5,2) Cromlech della meridiana (E-97-17); 14,5,2) Cromlech della meridiana o del calendario (E-92-9); 14,5,3) Cromlech a doppio perimetro (E-92-8).
14,6) TOMBA DEL GIARDINO (GERUSALEMME)
15) LEGGI GEOBIOLOGICHE CODIFICATE NELLA PRESENTE RICERCA
15,1) CARATTERISTICHE STANDARD DEI MEGALITI
15,2) CARATTERISTICHE PARTICOLARI DEI MEGALITI
15,3) CARATTERISTICHE DELLE FORMAZIONI MEGALITICHE MISTE
16) SIMBOLOGIA DELLE INCISIONI MEGALITICHE

CONCLUSIONE

BIBLIOGRAFIA